HOME PAGE
  • News
  • DI CALCIO E D'ALTRE NUVOLE
  • CONSULENZA E FORMAZIONE TUTTO CAMPO ALL'IMPRESA SPORTIVA
  • TUTTA COLPA DI JOE AVEZZANO

    L’avevo conosciuto per caso in un pub vicino all’Arena in una tarda mattina di una piovigginosa e malinconica, come solo a Milano certe domeniche sono capaci di essere.

    Ero in quei posti dove a qualsiasi ora puoi consumare un brunch, paghi un prezzo fisso, mangi ciò che vuoi e ti servi da solo scegliendo da una lunga tavola imbandita.

    Vedendomi con la divisa di una squadra di calcio, il titolare mi aveva indicato un tavolo in fondo, nella zona più riservata del pub sussurrandomi <<la metto qui vicino a Joe Avezzano così non vi disturba nessuno>>

    Avevo percorso la lunghezza della sala e gli ero passato davanti, aveva i capelli bianchissimi, il mento un po’ affilato e il giubbotto dei Seamen e l’espressione un po’ triste e solitaria tipica dei numeri uno, esattamente come sulla foto sulla Gazzetta.

    Non lo avevo mai visto prima, sapevo che era un mito del football americano perché avevo letto qualche cosa sul suo arrivo a Milano per guidare la squadra dei “marinai”.

    Educato, discreto, introverso al limite della timidezza e schivo, sinonimi che calzavano alla perfezione con lo spessore del personaggio che mi aveva salutato con un sorriso e un <<hello coach>> perché aveva capito che anch’io in qualche modo mi occupavo di sport.

    Non sono mai stato un grande amante del football americano, d’altra parte non sapevo nemmeno che esistesse lo sport della pesca subacquea in apnea quando quella volta a Trieste avevo passato una notte intera a parlare con il Selezionatore della Nazionale del Cile anche lui in attesa di un imbarco per raggiungere la sua squadra ai mondiali, semplicemente parlavamo di sport.

    La persona che era con Joe ci faceva da interprete, avevamo intavolato una piacevolissima conversazione, avevamo la stessa visione di ciò che una squadra soprattutto deve essere.

    La sua storia e la sua scelta controcorrente di lasciare un Paese dove era un mito perché aveva vinto di tutto e di più, uno diventato famoso senza il supporto di internet e youtube, mi affascinava soprattutto nel modo.

    Dalle vetrate che attutivano si intuivano i rumori del traffico e i campanelli dei segnali dei tram di una domenica milanese di pioggia, la foschia sembrava avvolgere le luci gialle dei riflettori dell’Arena lì vicino già accesi, mio malgrado dovevo alzarmi,  salutare e soprattutto decidere qualche cosa.

    Avevo conosciuto Joe Avezzano, due giorni dopo, allo stesso modo, senza nemmeno il bisogno di prendere un foglio bianco in A3 e una biro come faccio di solito quando prendo decisioni importanti, con una mail spedita di notte scrivevo in Costa D’Avorio dicendo che accettavo l’incarico di Manager General dello Sewe Sports .

    Qualche anno dopo, sempre allo stesso modo di Joe, con una mail spedita di notte alla Direzione del Carcere di Bollate accettavo di allenare l’unica squadra in Europa composta interamente da detenuti autorizzata a giocare le proprie gare anche in trasferta.

     

    Condividi in My Be Sport
    About Be Sport
    Be Sport nasce per favorire e valorizzare il costituirsi di nuove reti sportive e sistemi aperti in cui concetti come condivisione, reciprocità, trasparenza, partecipazione, accesso libero alla rete, innovazione collaborativa, talento, sostenibilità e responsabilità sono principi fondamentali.

    Blog: Info | About | News | Friends | Advisor | Contatti

    Creative Commons License

    This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License.
    Responsabilità

    Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001. Tutti i marchi appartengono ai legittimi proprietari. Per presunte violazioni del Copyright o per richiedere la rimozione di foto o contenuti inviate una segnalazione e provvederemo il prima possibile.

    Per ulteriori informazioni: Disclaimer | Privacy policy

    Be Sport Network:
    My Be Sport | Sport News | Community | Sport Places | Blogger | Be Sport Servizi