Focus On

BAMBINI E DIETA MEDITERRANEA: CRESCERE IN SALUTE

dieta-mediterranea

Giorgio Pitzalis

Specialista in Pediatria, Gastroenterologia e Scienze Nutrizionali Pediatriche
Comitato Scientifico Associazione “G. Dossetti: i Valori”

www.giustopeso.it

In Italia 4 bambini su 10 in età scolare sono sovrappeso od obesi. Nei Paesi industrializzati c’è il rischio che l’aspettativa di vita dei figli sia inferiore a quella dei loro genitori, proprio a causa delle patologie derivanti dall’eccesso ponderale. Ancora oggi, in tema di nutrizione, l’informazione è frammentaria, talvolta incompleta e il più delle volte mediata da interessi commerciali. L’attenzione posta agli alimenti assunti quotidianamente spesso è superficiale e il cibo continua ad essere costantemente veicolo di affetto o attenzione. Intanto l’elogio della dieta mediterranea, ad opera del ricercatore americano Ancel Benjamin Keys compie 40 anni. Pane, pasta, legumi, latte e formaggi, olio d’oliva, frutta, verdure ed ortaggi, pesce e carni alternative sono i cibi più rappresentativi della tradizione alimentare mediterranea, che anche nei Paesi più industrializzati viene oggi proposta come modello ideale di alimentazione, sulla base di vasti studi epidemiologici. Esistono infatti valide prove scientifiche che un’alimentazione come quella mediterranea riduca notevolmente i rischi di insorgenza di obesità, aterosclerosi, diabete, ipertensione, malattie digestive, ecc. All’estero vengono così rivalutate le sane e più tipiche abitudini alimentari dei popoli del bacino mediterraneo, abitudini che peraltro sono state oggi da noi abbandonate, perché considerate espressione di “vita povera”. Come conseguenza, oltre a spendere molto di più, mangiamo male (cioè in modo poco equilibrato) e troppo. Un esempio? 1 solo biscotto o 1 brick di succo di frutta possono apportare all’organismo anche 100 kcal che, se in eccesso rispetto al fabbisogno, possono “regalare” in poco più di 2 mesi 1 kg di peso. Gli alimenti tipici della tradizione mediterranea sono adatti anche a costituire facilmente dei “piatti unici”, capaci cioè di fornire da soli l’apporto nutritivo degli usuali “primo” e “secondo”, sostituendoli efficacemente ed economicamente in un unica portata. Esempi tipici: pasta e fagioli (o ceci o lenticchie), spezzatino con patate, paste asciutte o riso con condimento di carni, pesce o formaggi, minestrone con formaggio grattugiato, la pizza, ecc. Far seguire a questi “piatti unici” un “secondo” tradizionale è inutile ed eccessivo: è infatti sufficiente la sola aggiunta di verdura fresca e di frutta per realizzare un pasto completo, nutrizionalmente equilibrato e poco costoso. In generale la dietoterapia dell’obesità (anche in età evolutiva), deve essere in primo luogo bilanciata a livello dei macronutrienti (proteine, lipidi, carboidrati) e moderatamente ipocalorica. Particolare attenzione meritano i bambini in età scolare: questa è la fascia di età più colpita dal fenomeno sovrappeso-obesità: è bene consigliare loro di seguire una dieta bilanciata in termini di proteine, carboidrati e lipidi. A questo proposito la dieta mediterranea (Italian way of eating) assicura una giusta quota di proteine (15%), dando comunque lo spazio che merita ai carboidrati (60%), non lesinando i grassi o lipidi (25%). In pratica, queste possono essere le corrette indicazioni alimentari in età evolutiva:

  • preferire i cereali integrali con ridotto indice glicemico (pasta, orzo, riso, etc.) rispetto a quelli con indice glicemico più alto (pane, patate, etc.)
  • contenere il consumo proteico (carni rosse, insaccati, formaggi)
  • incentivare il consumo di frutta e verdura di stagione
  • utilizzare spesso grassi “buoni” (olio d’oliva extravergine, pesce), e qualche frutta secca oleosa con guscio, come noci, mandorle, pinoli (1-2 volte/sett.)
  • insaporire ed esaltare gli aromi con abbondante uso di erbe aromatiche piuttosto che con intingoli complessi
  • mantenere un buon ritmo fame – sazietà (meglio 5 pasti al giorno)
  • variare gli alimenti nell’arco della settimana
  • bere molto (1,0-1.5 litri di acqua al giorno) limitando quanto più possibile i soft drinks
  • assumere i dolci con parsimonia (piccole porzioni alla settimana di dolci semplici).

Cosa altro aggiungere? Svolgere quotidianamente un adeguato livello di attività fisica!

Chi vuole fare presto un grande fuoco inizia con piccoli ramoscelli (William Shakespeare)

**


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi