Focus On

ELETTRO – SEGMENTOGRAFIA

biotest2

Dottor Leonardo Maria Leonardi

L’elettrosegmentografia (ESG) permette lo studio della attività bioelettrica del tessuto connettivo lasso.

IL TESSUTO CONNETTIVO LASSO
Il tessuto connettivo lasso, che si origina in seguito al processo di differenziazione del mesenchima, è costituito da vari elementi cellulari (cellule mesenchimali – indifferenziate e totipotenti, fibroblasti, macrofagi, monociti, linfociti, granulociti ecc.) e dalla sostanza intercellulare, che comprende le fibre (reticolari, collagene ed elastiche) e la sostanza fondamentale amorfa. Quest’ultima, detta anche matrice amorfa, ha le proprietà o di una soluzione colloidale molto viscosa (SOL) o di un gel fluido (GEL) ed è costituita di acqua, componenti di scambio sangue/tessuti (sodio, potassio, acidi grassi, proteine …), sali, vitamine, ormoni, enzimi e glicosaminoglicani.
Il tessuto connettivo lasso è l’unico sistema in contatto diretto con tutte le cellule dell’organismo. Tutti i processi di scambio, tra capillari e fibre nervose terminali da una parte e cellule specifiche di organo dall’altra, devono avvenire attraverso i flussi tessutali extracellulari che fanno parte del tessuto connettivo.
La configurazione del tessuto connettivo lasso cambia in presenza di processi che alterano le funzioni vitali e che possono venire innescati da germi, intossicazioni, ferite, infezioni, farmaci, disturbi regolatori, carichi stressogeni (come il lavoro muscolare!) … Il tessuto connettivo lasso rappresenta, quindi, il primo sistema di difesa dell’organismo.

PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO
L’ESG indaga esclusivamente le grandezze elettriche che si riferiscono al tessuto connettivo lasso utilizzando una tensione di stimolo massima di 1 volt ed una frequenza di 10 Hz ; questa ultima non può in alcun modo superare la barriera della membrana cellulare (per indagare l’ambiente intracellulare è necessario utilizzare frequenze superiori ai 5 kHz) e stimolare il rilascio di endorfine con risultati terapeutici.

CAMPO DI AZIONE
La malattia si sviluppa, nella sua fase iniziale, nell’ambiente extracellulare (sistema di base di Pischinger); da un determinato momento in poi essa coinvolge anche il sistema intracellulare. Il periodo di tempo che intercorre tra una fase e l’altra può variare da alcune settimane ad alcuni anni (è universalmente noto che molte patologie si evidenziano con i loro sintomi proprio in questo modo e, in questa fase, quasi sempre la “restitutio ad integrum” risulta impossibile).
Mentre le tradizionali tecniche di diagnosi (di laboratorio o strumentali) sono in grado di individuare la presenza di forme patologiche solo dopo che queste abbiano interessato anche l’ambiente intracellulare, l’ESG, ottenendo informazioni che riguardano solamente la sostanza extracellulare, è in grado di riconoscere gli stati patologici nella loro fase iniziale di sviluppo o, come si suole dire, a livello ancora difunzione e non ancora di danno anatomico.
La tecnica ESG viene utilmente applicata:

  • nella identificazione della presenza di campi di disturbo silenti acuti e/o cronici e delle catene patogenetiche causali (focolai odontogeni, tonsillari, appendicolari ecc.)
  • nella identificazione di tossiemie da impropria alimentazione e/o disbiosi intestinale
  • nella identificazione dei disequilibri ormonali
  • nel riconoscimento di stati allergici e di intolleranze
  • nel riconoscimento di disordini funzionali della colonna vertebrale
  • nel monitoraggio della correttezza del percorso terapeutico intrapreso
  • nella verifica del corretto metabolismo idrico
  • nella verifica dello stato di acidosi tissutale
  • nella verifica della eccessiva assunzione di sostanze voluttuarie eccitanti.

**


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi