Area Congressi

FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AL CENTRO

fisiorespiratoria

fisiorespiratoria

FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AL CENTRO

PAVIA 2-3 Settembre 2021

Segreteria Organizzativa e Provider ECM (275)
IN&FO&MED srl
Tel. +39 02 4945 3331

IL CONGRESSO SARÀ ACCREDITATO ECM

WEB www.infomed-online.it
E-Mail segreteria@infomed-online.it

La fisiopatologia respiratoria “classica” e quella connessa ai Disturbi Respiratori Sonno-correlati (DRS) continua nel tempo ad essere al centro dell’attività clinica, diagnostica e terapeutica dello pneumologo. I 4 milioni di soggetti che hanno sviluppato la malattia da COVID-19 ha certamente determinato e probabilmente continuerà a determinare nel prossimo futuro, una attenta ed approfondita rivisitazione delle problematiche procedurali che permetta di operare in sicurezza preservando l’incolumità sia dei pazienti che degli operatori, ma anche un sempre più vasto utilizzo di metodiche di funzionalità respiratoria sino ad oggi in utilizzo soltanto nei pazienti con patologie croniche, risultando la definizione del più adeguato follow-up post-COVID19 sia a breve che nel lungo periodo, una problematica ancora largamente non definita. La medicina personalizzata delle patologie respiratorie croniche, sebbene lentamente, continua a progredire verso un sempre più corretto utilizzo dei farmaci “tradizionali” e dei farmaci biologici, l’inquadramento clinico ma soprattutto fisiopatologico rappresentando ancora oggi l’indispensabile background.
I quasi 4 milioni di pazienti che in Italia risultano avere DRS sono ancora una sfida per la moderna pneumologia alla quale è demandata tuttora una corretta definizione non solo del grado di severità della patologia ma anche la decodificazione della eterogeneità, con la caratterizzazione dei differenti fenotipi fisiopatologici ai quali la medicina personalizzata è chiamata a dare una risposta terapeutica sempre più adeguata. In questo ambito di assoluto interesse è l’avanzare di una ipotesi di trattamento “farmacologico” della Sindrome delle Apnee/Ipopnee Ostruttive.
Sette “Skills Workshops“ avranno inoltre il compito di approfondire a piccoli gruppi, argomenti connessi alla pratica clinico-diagnostica e terapeutica. Temi importanti saranno l’interpretazione dei tracciati poligrafici o polisonnografici in ambito diagnostico e terapeutico; impostazione e monitoraggio della ossigenoterapia; il percorso diagnostico della dispnea; come raggiungere la disassuefazione al fumo di sigaretta (e non solo); quale tipologia di ventilazione nei pazienti con polmonite interstiziale da COVID; l’impostazione del follow-up funzionale respiratorio nel post-COVID.
Nella certezza che la “Lung Function and Sleep Unit” continuerà ad essere al “centro” dell’attività pneumologia anche nel futuro.


Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi