Ultim'ora News

FRATTURE, UN GUANTO AL POSTO DEL GESSO: LE GUARIGIONI SARANNO PIÙ’ VELOCI

Fratture, un guanto al posto del gesso: le guarigioni saranno più veloci

Lo strumento stampato in 3D da un designer turco diminuirebbe il tempo di ricomposizione di una rottura ossea, fino a 10 giorni in meno per un braccio

Più leggero e confortevole del tradizionale gesso, da sfilare in qualsiasi momento. “Osteoid” è un guanto stampato in 3D dal designer Deniz Karasahin, in grado di diminuire i tempi di guarigione di una frattura, anche di dieci giorni nel caso di una rottura al braccio. Grazie ad uno stimolatore che pulsa ultrasuoni, lo strumento in termoplastica può essere indossato solo venti minuti al giorno. Il prototipo ha vinto il concorso internazionale A’Design Award and Competition.
Comodità e velocità – “Osteoid” è un’idea del turco Deniz Karasahin, che attraverso una stampa in 3D ha creato un oggetto in termoplastica leggero e maneggevole. L’obiettivo del designer è quello di fornire un’alternativa al classico gesso e ai fastidi che questo comporta. Comodità, ma anche velocità: il guanto infatti non è solo meno ingombrante, ma anche più efficace. Uno stimolatore a ultrasuoni collegato a “Osteoid” è in grado di pulsare cariche direttamente sulla pelle e, successivamente, sull’osso. Secondo il progettista, questi ultrasuoni riducono sensibilmente i tempi di guarigione di una frattura del 38 per cento. Il tutto indossando il guanto anche solo una ventina di minuti al giorno.

Su misura – Il “calco” avvolge alla perfezione l’arto di una persona, essendo realizzato tramite un scansione della parte del corpo interessata. Il progetto ha vinto il Golden A’Design Award per le forme stampate in 3D, ma qui non si tratta solo di estetica. L’applicazione a ultrasuoni (Lipus), che nel design ricorda la conformazione spugnosa delle ossa, potrebbe avere importanti risvolti in campo medico. Senza contare la comodità di potersi lavare e non avere i pruriti del “vecchio” gesso.

**


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi