Parliamo di...

Smettiamo di “mandare in fumo” la nostra vita … FUMO E SPORT: UN MATRIMONIO IMPOSSIBILE

fumo

Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport

La dipendenza da fumo di sigaretta viene identificata come la prima causa evitabile di malattia e di morte (classificazione malattie dell’OMS). Il fumo è un vero e proprio attentato alla salute: aumenta il rischio di patologia respiratoria (bronchite cronica ed enfisema), neoplastica (polmone, cavo orale, laringe, faringe, esofago, vescica) e cardiovascolare (infarto miocardico, ictus): appare quindi chiaro che attività sportiva e abitudine al fumo siano nemici dichiarati. Qual è l’incidenza negativa del fumo sull’attività sportiva? E come lo sport può aiutare a superare la dipendenza da nicotina?

Si deve per prima cosa ricordare che l’attività aerobica è basata sull’efficacia del meccanismo di trasporto dell’ossigeno ai tessuti; a garantire tale trasporto si adoperano: i polmoni (la sorgente d’ossigeno), l’emoglobina (che lega l’ossigeno nel sangue) e i capillari sanguigni. Il fumo agisce in modo dannoso ad ogni livello.
Gli sportivi che non fumano assumono più ossigeno, hanno maggior resistenza alla fatica, inoltre, in fase di riposo, hanno una frequenza cardiaca più bassa, con vantaggi particolarmente evidenti in attività sportive che richiedono resistenza (corsa, nuoto, ciclismo …).
Il fumo, al contrario, provoca un peggioramento delle prestazioni e lo confermano i valori rilevati nella corsa di 12 minuti fra le reclute di leva: fra i 19enni, i non fumatori hanno raggiunto in media i 2613 metri; i fumatori, indipendentemente dal numero di sigarette fumate, ne hanno percorsi:
1 – fumatori modesti (meno di 10 sigarette al giorno): mediamente – 95 metri
2 – fumatori medi (10-20 sigarette al giorno): mediamente – 242 metri
3 – fumatori forti (più di 20 sigarette al giorno): mediamente – 360 metri.
Il peggioramento delle prestazioni è correlato anche al tempo trascorso da quando si era iniziato a fumare, con tempi peggiori registrati dai fumatori forti che fumavano da più di quattro anni: questi infatti hanno percorso 425 metri in meno dei non fumatori.
Anche in una gara di corsa di 16 chilometri, i fumatori hanno fornito prestazioni peggiori. Se tutti i partecipanti si fossero trovati in uguali condizioni di allenamento, peso ed età, nella maratona ai fumatori sarebbe occorso un minuto in più per ogni 4 sigarette fumate al giorno.

Polmoni
Fisiologicamente, l’impegno fisico aumenta il consumo di O2 (ossigeno) e la produzione di CO2 (anidride carbonica). Correlata a queste variazioni metaboliche si verifica un aumento della ventilazione polmonare, necessaria a mantenere costanti le pressioni parziali dei gas respiratori a livello degli alveoli polmonari, dove aria e sangue si incontrano. L’iperventilazione incrementa il fabbisogno energetico dei muscoli respiratori.

Effetti acuti del fumo di sigaretta
15 aspirazioni di fumo in 5 minuti causano, in condizioni di riposo, un aumento delle resistenze polmonari di tre volte. L’aumento di resistenza persiste per circa 35 minuti e interferisce negativamente con il lavoro respiratorio, aumentando il consumo energetico della respirazione, gravando sul consumo d’ossigeno totale ed interferendo con le necessità metaboliche dei muscoli periferici che lavorano. Questa situazione pertanto limita la possibilità di compiere un lavoro.
Lungo il tragitto polmone-muscolo, l’ossigeno è trasportato nel sangue dall’emoglobina (Hb). Il monossido di carbonio, un prodotto del fumo, lega l’emoglobina più facilmente dell’ossigeno formando carbossiemoglobina (HbCO) e riducendo la quantità di Hb disponibile per il trasporto dell’ossigeno.
Nei fumatori il livello di carbossiemoglobina è cronicamente aumentato, da 2 a 15 volte rispetto ai non fumatori: fumando una sigaretta si riduce l’apporto di sangue ossigenato ai tessuti e questa situazione riduce in modo significativo la propria resistenza allo sforzo fisico!
La nicotina, ingrediente attivo del tabacco, aumenta la viscosità del sangue ed induce, agendo sul sistema nervoso simpatico, vasocostrizione arteriosa periferica, da cui deriva una riduzione del flusso di sangue ai tessuti, compreso il tessuto muscolare, e quindi una riduzione del rendimento sportivo.
Non trascuriamo poi gli effetti sul cuore: per ogni sigaretta fumata, la vita si accorcia di 7 minuti e il fumo di sigaretta rappresenta un indice predittivo molto forte di rischio coronarico, con una incidenza di infarto cardiaco 5 volte superiore nei fumatori rispetto ai non fumatori.

Lo sport per aiutare chi fuma
Se il fumo riduce la performance sportiva, lo sport agisce aiutando chi vuole combattere la propria dipendenza dalla sigaretta.
Come la nicotina stimola il sistema nervoso centrale affinché rilasci i mediatori del benessere (serotonina, dopamina, noradrenalina), lo stesso fa lo sport: funge da stimolo per la liberazione in circolo degli stessi mediatori ed è utile per vincere le crisi d’astinenza. Inoltre, l’esercizio fisico risulta un’ottima valvola di sfogo per incanalare ed eliminare tensioni e stress accumulati nel corso della giornata.
Chi pratica attività fisica, in seguito alle modificazioni biochimiche ed ormonali indotte nell’organismo dall’allenamento, tende ad essere più sereno e soddisfatto rispetto ai soggetti sedentari, gode di un miglior benessere psicologico e presenta una maggiore vitalità e gioia di vivere.

BIBLIOGRAFIA

  1. http://www.my-personaltrainer.it/salute/danni-fumo.html
  2. http://www.humanitasalute.it/index.php/benessere-e-stili-di-vita/clima-e-salute/155-respirare-in-salute/2556-fumo-e-sport-nemici-giurati
  3. www.cdc.gov/tobacco/data_statistics/sgr/2004/index.htm
  4. www.bfs.admin.ch
  5. www.ash.org.uk/information/facts-and-stats/essential-information
  6. http://rms.medhyg.ch
  7. www.saez.ch
  8. www.ajrccm.org
  9. www.sciencedirect.com/science/journal/00917435
  10. http://www.at-svizzera.ch/it/pagina-iniziale/facts.html

**


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi