Newsletter

GLI ASPETTI DELLA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI NELL’ATLETA

3d abstract running doctors

a cura di Riccardo Barigelli

In questo breve testo si vuole evidenziare quella che oggi, oltre ad essere una tendenza, dovrebbe diventare una “prassi metodologica”: la necessità di collaborazione, priva di invidie e di invasioni di campo, tra le diverse figure professionali che gravitano attorno all’ambiente sportivo.
Nello svolgimento di un classico programma di allenamento, si evince l’importanza di una modulazione dei carichi cui è sottoposto l’atleta: la considerazione di un equilibrio tra carichi esterni ed interni e di una ottimale proporzione tra carico e scarico.
Questi principi sono validi qualora il programma si svolga in modo lineare, senza cioè interruzioni dovute ad infortuni. Dati gli stress psico-fisici cui è sottoposto l’atleta, occorre studiare mezzi attraverso i quali si potrà tentare di prevenire i traumi prima del loro manifestarsi, o almeno di attenuarne la gravità.
Gli infortuni devono essere considerati, e purtroppo “sono”, parte integrante della progettazione dell’allenamento. Occorre quindi un tempo giornaliero da dedicare alla prevenzione, così come tempo viene dedicato all’allenamento delle diverse capacità motorie: dobbiamo allenare la capacità di “prevenire“.

FIGURA 1

prevenzione1

L’allenatore dovrà programmare il tempo dedicato alla prevenzione nell’ambito di ogni seduta (nei microcicli, nei mesocicli e nei macrocicli) dell’allenamento.
La prevenzione ha nell’allenatore il perno centrale per l’integrazione nel progetto di allenamento di numerose figure professionali. Ad esempio: 1- medici specialisti in medicina dello sport, psicologia, endocrinologia; 2- personale paramedico (terapisti della riabilitazione, massaggiatori); 3- addetti ai settori tecnici (preparatori atletici, istruttori).

FIGURA 2

Ogni tecnico dunque dovrà conoscere un’ampia gamma di esercitazione tecniche, specifiche e preventive; dovrà avere personale medico (specializzato nei diversi ambiti) e paramedico di fiducia.
Tale struttura dovrà arricchirsi anche di ambienti in cui svolgere gli allenamenti: su tutti una palestra e una piscina per la ginnastica in acqua.
Sarà un lavoro dispendioso nelle sue fasi iniziali, ma che, a lungo termine, porterà i suoi benefici diminuendo sicuramente l’incidenza e la gravità delle patologie e dei traumi da sport.

FIGURA 3

BIBLIOGRAFIA

  1. Paci G. – Barigelli R. “La cultura della prevenzione con particolare riferimento all’Atletica Leggera” Nuova Atletica, n° 167, marzo-aprile 2001

Riccardo Barigelli
Laureato in Scienze Motorie
Master in metodologia dell’allenamento
Master in Scienza e Tecnica dello Sport e del Fitness

**


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi