Ortopedia e Traumatologia

IL TAPING KINESIOLOGICO® – METODO KOREANO – APPLICATO AI TRAUMI DELLA SPALLA NEL TENNIS

_101883084_046410358

tennishalle-corvara

di Rosario Bellia

Il tennis è uno sport molto diffuso, che negli ultimi trentanni ha subito molti cambiamenti. Con l’avvento di racchette prodotte con nuovi materiali più leggeri e maneggevoli la velocità della palla è aumentata notevolmente, rendendo così necessaria una modifica a livello tecnico dei colpi fondamentali. Dalla ricerca bibliografica sono emerse interessanti indicazioni su angoli e posizioni corporee ideali da mantenere durante le varie fasi dei colpi, confrontando i giocatori di altissimo livello.  Inoltre, i nuovi sistemi di allenamento e le performance sempre più elevate stanno portando l’organismo dell’atleta a sollecitazioni muscolo-tendine importanti, sia come intensità che come durata dello sforzo.

tapingk1tapingk2

 

La spalla, sottoposta a questo “over use” può essere coinvolta in ciascuna delle sue componenti: pertanto le tecnopatie della spalla dell’atleta che pratica il tennis comprendono spesso patologie da sovraccarico quali: sindrome da conflitto, sublussazioni uni e multi direzionali, lussazioni scapolo-omerali, tendinopatie della cuffia dei rotatori, patologie del complesso bicipitale, sinoviti, borsiti, fino a un coinvolgimento delle articolazioni “accessorie” della spalla con le artropatie acromion-clavicolari.
La patogenesi delle suddette tecnopatie è ascrivibile anche a lassità capsulo-legamentose o a squilibri della muscolatura intrinseca della spalla: talvolta la tecnopatia può essere determinata da una preesistente insufficienza dei legamenti stabilizzatori della spalla (gleno-omerali e scapolari) e/o da insufficiente vascolarizzazione, durante lo sforzo, della cuffia dei rotatori.
Nel tennis, accanto alle lesioni acute dell’apparato osteoarticolare (contusioni, rare fratture) o dell’apparato mio-capsulo-legamentoso (distorsioni, distrazioni, lacerazioni, rotture tendinee), si evidenziano le lesioni croniche, statisticamente più frequenti: rachialgie posturali, tendinopatie inserzionali e borsiti.
Le tecnopatie specifiche dell’atleta che pratica tennis devono rientrare in un programma di prevenzione accurata.

tapingk3

La prevenzione potrà iniziare dalla correzione di eventuali mal allineamenti posturali con: 1- un intervento comune fra lo staff medico e lo staff tecnico di insegnamento “a secco” dei movimenti più “economici” dal punto di vista biomeccanico e seguendo dei principi ergonomici; 2- una prevenzione con elaborazione di appositi programmi di “compenso” per la tonificazione dei gruppi muscolari ipotonici e di stretching dei muscoli retratti.

Da questa breve analisi possiamo sintetizzare che “le patologie dell’atleta che pratica il tennis sono prevalentemente da sovraccarico funzionale (over use) e raramente di tipo traumatico”.

La localizzazione anatomica del trauma è quasi esclusivamente a carico del cingolo scapolo-omerale e della muscolatura correlata, essendo questa l’articolazione maggiormente sollecitata.
Altre patologie sono:

  1. Lombalgia da sovraccarico funzionale
  2. Contrattura da sovraccarico della muscolatura paravertebrale del tratto dorso-lombare e meno frequente di quello cervicale.
  3. Sindrome da conflitto sub-acromiale
  4. Infiammazione tendine del muscolo sovra spinoso
  5. Contrattura da sovraccarico della muscolatura del cingolo scapolo-omerale

Nell’ultimo decennio si sta assistendo ad un notevole aumento delle patologie da sovraccarico funzionale (over use) dell’articolazione coxo-femorale, per la ricerca sempre più precisa di una esecuzione tecnica dei “colpi”, utilizzando una azione coordinata di caricamento caviglia – ginocchio – anca. I risultati sono molto evidenti con un aumento della velocità della palla, che causa però un sovraccarico articolare notevole.

tapingk4Sindrome da sovraccarico funzionale della spalla nel TENNIS e taping kinesiologico®

Usare la biomeccanica nel tennis vuol dire usare la forza per avere il massimo rendimento dai colpi, con la minore sollecitazione delle strutture muscolo-scheletriche.
La tecnica che deve utilizzare l’atleta deve essere quindi la conseguenza degli studi biomeccanici che mirano all’efficienza, alla precisione e all’economia del gesto tecnico.
Studi recenti riguardanti il lavoro che bacino e spalle compiono nel servizio, hanno dimostrato differenze notevole rispetto alle modalità di insegnamento di questo colpo effettuate in precedenza: le modifiche applicate alla tecnica sfruttano in modo ottimale la forza applicata alla ricerca di un colpo EFFICACE e a basso impatto per l’organismo.
Prima si insisteva molto per il servizio, nella rotazione delle spalle nella fase di preparazione e nel tornare con una rotazione successiva verso il colpo. Ora si richiede una rotazione delle spalle con una inclinazione laterale del tronco (in preparazione), che prepara uno slancio in avanti del bacino e del tronco con un “dislivello” tra emi-bacino posteriore ed anteriore, che chiaramente è simmetrico con l’azione delle spalle.
Questo crea il perfetto meccanismo di “catapulta” per il servizio. Anche per la posizione ideale di impatto della palla e di altezza del lancio ci sono delle indicazioni specifiche per ottenere questa biomeccanica ottimale.
Sugli altri colpi come diritto e rovescio, le innovazioni tecniche sono relative agli appoggi del dritto, oltre alla rotazione del tronco intorno al bacino in fase di preparazione.
Quest’azione “elastica” va continuamente stimolata ed è la principale artefice dello sviluppo della forza.
Il professor Brad Langerveld, australiano, ha messo in evidenza come nelle catene cinetiche l’importante sia lo slancio in avanti dell’arto nel movimento di rotazione interna e di come nelle varie fasi di preparazione del giocatore sia necessario costruire la rotazione interna della spalla e il suo movimento antagonista (rotazione esterna). In pratica slanciando sempre in avanti l’arto che tiene la racchetta bisogna ad un certo punto occuparsi di rinforzare la cuffia dei rotatori e la rotazione esterna in modo da contrastare la forza espressa dai rotatori esterni ed evitare infortuni alla spalla. Gli esercizi sui fissatori delle scapole, con elastici e pesi leggeri, saranno la “terapia” da adottare.

Linee biomeccaniche di forza e bilanciamento muscolare della scapola durante il movimento dell’articolazione della spalla

Nel servizio la velocità dipende soprattutto dalla rotazione interna della spalla e dalla mano. Queste due caratteristiche devono essere allenate specificamente.
Il tennis è uno sport che si basa sulla coordinazione, sulla fluidità dei movimenti del corpo e su di un complesso di forze che spesso agiscono in modo contrastante. Giocare a tennis in modo inefficiente può portare a risultati prestazionali scadenti nella migliore delle ipotesi e a gravi problemi fisici nella peggiore. Ormai i tennisti professionisti e coloro che intraprendono la lunga strada del professionismo, sono sottoposti a stress fisici notevoli. Si gioca tanto, in condizioni di gioco non omogenee e senza poter programmare un vero piano annuale di allenamento, visto che più si vince e più si è “costretti” a giocare nel corso della settimana, rendendo difficile una vera programmazione, un calendario strutturato rigidamente.
Diventa quindi ancor più importante gestire bene l’aspetto psico-fisico della prestazione, per ridurre al massimo i possibili infortuni, soprattutto quelli derivanti non da un incidente traumatico, ma bensì da un problema di stress o posturale.

tapingk5

La tecnologia oggi può aiutare molto i tennisti nel prevenire questi problemi. Sono sempre più studiati i movimenti dei vari atleti nel compimento del gesto tecnico, nelle varie fasi di gioco, avvalendosi di sofisticati macchinari che consentono di valutare il grado di efficienza del gesto. Più un gesto è compiuto con efficienza, minore sarà il carico subito dall’atleta (oltre ad ottenere spesso un risultato agonistico migliore), minori saranno le probabilità di insorgenza di alterazioni e patologie a causa del gesto stesso.
Ripetere infinite volte un movimento poco efficiente può causare seri traumi alle articolazioni ed alla muscolatura.
Le moderne tecnologie possono essere utilizzate per migliorare la fluidità del movimento del corpo nell’eseguire un gesto tecnico, per sfruttare al meglio le proprie potenzialità e preservare la salute dell’atleta. Uno dei massimi esperti mondiali nel campo è l’australiano Brad Langerveld.

Il suo studio è teoricamente molto semplice: analizzando al computer i movimenti di un centinaio di tennisti di livello elevato, ha elaborato un modello biomeccanico dell’esecuzione di un fondamentale del tennis per ottenere, con il minor attrito, logorio e sforzo, la massima efficienza ed efficacia.
Ha trovato così dei campioni “perfetti” dal punto di vista della postura e della efficienza del movimento, con i quali confronta i gesti dell’atleta che richiede un consulto, cercando le differenze e suggerendo i possibili rimedi in accordo con l’atleta stesso.
Per studiare il gesto tecnico del tennista, Langerveld usa un sistema di sofisticate telecamere digitali, riprendendo da molte angolazioni i movimenti dell’atleta che indossa svariati “sensori”. Poi le immagini vengono studiate al rallentatore, fotogramma per fotogramma, ed elaborate con un apposito software. Utilizzando raffinate tecnologie di analisi è possibile valutare come i muscoli lavorano e si contraggono e a quali sforzi sono sottoposti i tendini, calcolando così lo sforzo generale e misurando indirettamente il logorio, gli attriti, i carichi a cui sono sottoposti nei vari movimenti.
La figura umana viene “stilizzata”, quasi fosse un fumetto, e poi via via ricomposta aggiungendo la parte interessata. Equilibrio in ogni fase, soprattutto la capacità dei muscoli dell’atleta di lavorare tutti contemporaneamente nella stessa direzione, non sottoponendo così il fisico a forze contrarie all’inerzia del movimento che creerebbero soltanto resistenze e problemi.
Sovrapponendo all’immagine del gesto tecnico, delle linee tracciate con il computer, Langerveld crea una simulazione il cui esame permette all’atleta di capire facilmente come si distribuisce la sua forza durante il movimento e come invece dovrebbe svilupparsi per non risultare dannosa o comunque per essere più idonea a preservare la salute del proprio corpo.
A questo punto il tennista è libero di lavorare per cambiare il proprio modo di giocare.
Il limite dei tennisti è che spesso si accorgono del problema quando ormai è troppo tardi” (Langerveld).
Se si sottopone il fisico ad un logorio eccessivo è poi difficile risolvere completamente il problema ed a volte proporre dei cambiamenti nella tecnica è molto difficile e spesso si incontrano molte resistenze da parte dell’atleta. Ideale sarebbe intervenire in età giovane, quando ancora il fisico si sta formando, in modo da correggere alla base gli eventuali problemi e quindi creare un tennista sano dal punto di vista posturale e biomeccanico.

1. Movimenti tecnici specifici predisponenti alla sindrome scapolo-omerale
2. Eziopatogenesi e biomeccanica della spalla

Bisogna analizzare gli schemi di reclutamento dei vari muscoli per prevenire eventuali sovraccarichi funzionali da incoordinazione dell’attivazione biomeccanica delle catene cinetiche (concetto Kinesiopatologico – Sahrmann).

I fattori che contribuiscono alle disfunzioni del cingolo scapolare sono le alterazioni della lunghezza, della forza, dell’estensibilità dei muscoli e dello schema di reclutamento, provocate da movimenti ripetuti e da posture non ottimali.
Per garantire che i movimenti della glena omerale siano ottimali è fondamentale che la testa dell’omero rimanga centrata nella glenoide durante i movimenti della spalla, quindi l’azione equilibrata dei muscoli è fondamentale per un corretto “ritmo scapolo-omerale”, che non favorisca patologie da “over use”.

tapingk6• Muscoli toraco-scapolari
– trapezio (superiore, medio, inferiore)
– elevatore della scapola
– i romboidei (grande e piccolo)
– gran dentato
– piccolo pettorale
• Muscoli toraco- omerali
grande pettorale
– grande dorsale
• Muscoli scapolo – omerali
– il deltoide (posteriore, medio, anteriore)
– piccolo rotondo
– grande rotondo
– sopraspinato
– infraspinato
– sottoscapolare
• Muscoli omerali d’interesse nel movimento della spalla
– tricipite brachiale (capo lungo)
– coraco-brachiale

La tendinite della cuffia dei rotatori spesso è la conseguenza più ricorrente delle continue sollecitazioni, non correttamente equilibrate, a cui sono sottoposte le strutture capsulo-legamentose dell’articolazione scapolo-omerale.

Le sollecitazioni funzionali ripetute (over use) associate a gesti sportivi over hand, gestualità tecniche (battuta, smash), che comportano l’uso dell’arto elevato sopra il capo, espongono gli atleti al rischio di sviluppare patologie della spalla: tendiniti, sindrome da impingment e instabilità articolare. Le strutture statiche di contenzione si indeboliscono progressivamente, causando una sublussazione anteriore gleno-omerale.
In un primo tempo, gli stabilizzatori dinamici riescono a compensare l’instabilità attraverso l’ipertrofia muscolare, ma spesso questi meccanismi di compenso non sono sufficienti e si verifica una sublussazione anteriore della testa omerale, che entra in contatto con il legamento coraco-acromiale determinando un impingement sotto-acromiale.

tapingk7

L’impingement glenoideo postero superiore può verificarsi perché la traslazione anteriore omerale permette alla superficie inferiore del tendine dei muscoli sovra spinoso e sottospinoso di avere un punto di “frizione” contro la rima postero superiore della glenoide.
Sono molti gli stabilizzatori statici e dinamici dell’articolazione della spalla che provvedono al necessario equilibrio tra mobilità e stabilità.
Nonostante il contatto articolare gleno-omerale sia relativamente piccolo, la stabilità statica è assicurata dai sovrastanti tessuti molli e dal cercine glenoideo, che incrementando la superficie ed espandendo la profondità della fossa glenoidea, contribuiscono a migliorare la stabilità senza impedire l’articolarità.
La capsula articolare garantisce la stabilità della spalla grazie ad una selettiva resistenza delle fibre capsulari anteriori e inferiori, mentre i legamenti gleno-omerali intervengono durante l’abduzione omerale e la rotazione esterna.
La stabilità dinamica è ottenuta attraverso l’azione sinergica dei muscoli della cuffia dei rotatori e dei rotatori della scapola. I muscoli della cuffia (sovraspinato, sottospinato, piccolo rotondo, sottoscapolare), si inseriscono sul corpo della scapola e sulla grande e piccola tuberosità dell’omero. Questi muscoli conferiscono stabilità provvedendo a mantenere la testa dell’omero centrata nella cavità glenoidea in maniera fisiologica.
I rotatori della scapola (trapezio, dentato anteriore, romboidei ed elevatore della scapola) posizionano la scapola (glenoide) in modo da garantire la migliore stabilità durante il completo movimento del gesto sportivo della trazione al petto.
Scomponendo l’azione nei singoli movimenti possiamo evidenziare l’azione muscolare nelle varie fasi.
Durante le varie fasi “propulsive” dell’arto superiore per realizzare i gesti tecnici specifici del tennis, il muscolo deltoide abduce il braccio, mentre il muscolo infraspinato e il piccolo rotondo ruotano esternamente l’omero; il muscolo bicipite mantiene il gomito flesso a novanta gradi e il sottoscapolare “modula”, decelerando la rotazione dell’omero.
I muscoli grande pettorale, gran dorsale e tricipite in contrazione eccentrica, forniscono la modulazione della posizione del tronco. Nella fase di decelerazione, la contrazione muscolare eccentrica del muscolo piccolo rotondo e l’incrementata attività dei muscoli trapezio, dentato anteriore e romboide, controllano la decelerazione delle estremità.
Un anche modesto deficit di un muscolo stabilizzatore, dinamico e statico, determina un effetto importante sull’intera funzionalità della spalla.
I sovraccarichi funzionali possono portare a una compromissione delle strutture di contenimento anteriore, che darà origine a una traslazione anteriore gleno-omerale. Inizialmente, gli stabilizzatori dinamici riescono a compensare questa modesta instabilità aumentando l’attivazione muscolare. In seguito all’affaticamento di questi muscoli si può verificare una sublussazione della testa omerale; con la traslazione anteriore si può arrivare al contatto diretto della testa dell’omero con l’acromion dando origine ad un impingement secondario.

tapingk8Le forze distrattive che agiscono sulla spalla, che è costretta a sollecitazioni di “caricamento” molto controllato e coordinato seguite da azioni “propulsive” molto violente, sono assorbite dall’azione sinergica dei muscoli stabilizzatori.
L’attivazione del bicipite brachiale, delle fibre anteriori del deltoide e del pettorale provocheranno l’anteposizione della testa dell’omero e la frizione sulla parte anteriore del cercine glenoideo.
Il sovraspinato e il piccolo e grande rotondo saranno impegnati nella sinergia e modulazione costante delle tensioni.
La patogenesi delle tecnopatie da over use nel tennis è ascrivibile, spesso, anche a predisposizioni costituzionali:

1. lassità capsulo-legamentose
2. squilibri della muscolatura intrinseca della spalla
3. alterazioni posturali, quale ad esempio un aumento della cifosi dorsale, che rende difficoltoso lo scivolamento della scapola sul piano costale (Comerford, 2001)

Talvolta la tecnopatia può essere determinata da una preesistente insufficienza dei legamenti stabilizzatori della spalla (gleno-omerali e scapolari) e da insufficiente vascolarizzazione sotto sforzo della cuffia dei rotatori.

Le sequenze patogenetiche più frequenti sono:
over use che può determinare una situazione infiammatoria subacuta, con conseguente aumento di volume dei tessuti periarticolari, cui fa seguito una riduzione dello spazio sottoacromiale, con conseguente impingement. Inoltre l’over use può determinare un “accorciamento adattativo” dei muscoli motori gleno-omerali e scapolo-toracici, cui consegue, come compenso, un overstrain (ipersollecitazione) di alcune strutture o l’insorgenza di movimenti INVOLONTARI atti a garantire la funzione. La ripetizione gestuale in tali condizioni può determinare infiammazione a carico delle strutture ipersollecitate o alterazioni artrocinematiche potenzialmente conflittuali (impingement)
dolore che può causare alterazione della propriocezione, determinata dal persistere di impulsi NOCICETTIVI che daranno un’alterata risposta motoria, con caratteristiche simili all’instabilità
allenamento sportivo improprio, ad esempio con ripetizioni reiterate del gesto tecnico che favoriscono l’impiego della muscolatura agonista, che può causare uno squilibrio muscolare e una alterazione del centraggio dinamico della testa dell’omero e un deficit del controllo neuro muscolare da parte della muscolatura antagonista. Tutto ciò potrà dare origine ad impingment con infiammazione cronica delle strutture periarticolari
alterazione posturale, quale ad esempio un aumento della cifosi dorsale, che può determinare un ostacolo all’estensione fisiologica del rachide, impedendo un corretto scivolamento scapolare e che darà origine a una elevata richiesta di flessione e rotazione esterna della spalla, con conseguente stress sulle strutture anteriori dell’articolazione gleno-omerale (Comerford, 2001)

Un’importante coppia di forze, che agisce sul piano frontale, è quella costituita dal deltoide e dal muscolo sovraspinoso (da Dr. Valent 2007).
Questa coppia di forze raggiunge due obiettivi: a) le componenti rotatorie si combinano per produrre l’abduzione dell’omero – b) le componenti traslatorie, agendo in direzioni opposte si annullano garantendo la stabilità cranio-caudale dell’articolazione gleno-omerale.
La forza esercitata anteriormente dal muscolo sottoscapolare e posteriormente dal sottospinato e dal piccolo rotondo è un’altra importante coppia di forze che agisce su un piano trasversale e che contribuisce alla stabilizzazione antero-posteriore dell’articolazione gleno-omerale. I muscoli della cuffia dei rotatori svolgono pertanto un ruolo importante nel controllo della stabilità dell’articolazione gleno-omerale, sia su un piano frontale sia su quello trasversale.
Un’altra coppia di forze, fondamentale nel movimento di abduzione omerale, è quella composta dal muscolo trapezio superiore e dal gran dentato. Durante il movimento di abduzione, il trapezio superiore sostiene la scapola con la sua componente verticale e la porta verso le proprie origini con la componente orizzontale. Il gran dentato fa aderire la scapola al torace con la sua componente verticale e la abduce con quella orizzontale. Le risultanti di entrambi i muscoli hanno la funzione di ruotare esternamente l’angolo inferiore della scapola, facendo risalire la volta acromiale.

  • Trattamento conservativo

1. Terapie fisiche: alcune terapie fisiche si sono dimostrate efficaci nella cura della sindrome della spalla nelle varie fasi

– ultrasuoni
– onde d’urto
– laser
– diatermia

2. Elettro Neuro Feedback (ENF)

L’ENF è uno strumento di nuova generazione, che produce un algoritmo di impulsi elettrici, mediante l’attivazione di un circuito a retroazione negativa. Questo strumento è in grado di leggere i valori d’impedenza della pelle e di trasmettere impulsi elettrici attraverso lo speciale algoritmo d’interazione con l’organismo.
Nella prima fase si effettua una scansione digitale per “mappare” con precisione l’area d’indagine e individuare i punti da riequilibrare nella fase successiva.

  • Rieducazione muscolare (programma di compenso)

Si attuerà un programma di “compenso” dei muscoli ipotonici per avere un effetto sinergico con gli esercizi di stretching dei muscoli retratti.
Quindi tonificazione dei muscoli che risultano allungati ed ipotonici: trapezio, sottoscapolare, ecc.
Esercizi di allungamento muscolare, stretching analitico, dei muscoli retratti: bicipite brachiale, deltoide anteriore, sovra spinato, ecc.

  • Taping kinesiologico

Applicare il taping kinesiologico® Bellia System con traiettorie specifiche:
– per aiutare il rilassamento dei muscoli retratti e il drenaggio dell’edema infiammatorio, e per la regolazione del tono muscolare delle varie componenti (in fase riabilitativa – riposo)
– per sostenere la struttura muscolo-tendinea sollecitata in modalità stabilizzante (nelle fasi di ritorno all’attività fisica)

PRESENTAZIONE DI ALCUNI BENDAGGI

Immagini tratte dal libro: Bellia – Il taping kinesiologico Metodo Koreano – Manuale di applicazioni pratiche nella traumatologia sportiva moderna – ed. Alea Milano, marzo 2012

tapingk9Tecnica n. 1 – Taping kinesiologico facilitante durante la performance

tapingk10Tecnica n. 2 – Taping kinesiologico facilitante durante la performance

tapingk11Tecnica n. 3 – Taping kinesiologico decompressivo-drenante in fase riabilitativa

tapingk12Tecnica n. 4 – Taping kinesiologico decompressivo in fase riabilitativa

Rieducazione propriocettiva del gesto tecnico per prevenire il sovraccarico funzionale con l’uso di thera- band, tipo percettivo motorio

Molto importante per prevenire le recidive della sindrome della spalla è la rieducazione propriocettiva del gesto tecnico, di tipo percettivo motorio. È necessario realizzare un programma di rieducazione propriocettiva specifico con l’uso di thera-band.
I difetti tecnici oltre a influire sul rendimento sportivo creano una condizione predisponente al sovraccarico funzionale dei muscoli della cuffia dei rotatori.
Si dovrebbe quindi attuare un programma di rieducazione propriocettiva del gesto tecnico specifico, utilizzando gli elastici thera-band, simulando l’azione tecnica con esercizi:

  1. ad occhi chiusi
  2. seguendo punti di “repere”
  3. con ritmi diversi
  4. con l’utilizzo di riprese video
  5. davanti ad uno specchio.

tapingk13Conclusioni e considerazioni

Appare chiaro come nel caso dell’atleta che pratica il TENNIS, il sovraccarico funzionale della spalla sia dovuto ad una azione meccanica intensa a carico di alcuni muscoli della cuffia dei rotatori; quindi l’obiettivo sarà riequilibrare il tono muscolare dei muscoli ipotonici e l’allungamento dei muscoli retratti, poiché alcuni muscoli che funzionano come sinergici in un movimento spesso svolgono azioni antagoniste in altri movimenti della spalla.
Durante le fasi più “energiche” dell’azione del tennista, il muscolo deltoide abduce il braccio mentre il muscolo infraspinato e il piccolo rotondo ruotano esternamente l’omero, il muscolo bicipite mantiene il gomito flesso a novanta gradi e il sottoscapolare modula, decelerando, la rotazione dell’omero.
I muscoli grande pettorale, gran dorsale e tricipite in contrazione eccentrica forniscono la modulazione della posizione del tronco.
Nella fase di decelerazione dopo l’impatto con la “palla”, la contrazione eccentrica del muscolo piccolo rotondo e l’attività dei muscoli trapezio, dentato anteriore e romboide controllano la decelerazione delle estremità.
Un modesto deficit di un muscolo stabilizzatore, dinamico e statico, determina un effetto importante sull’intera funzionalità della spalla.
I sovraccarichi funzionali possono portare a una compromissione delle strutture di contenimento anteriore, che darà origine ad una modesta traslazione anteriore gleno-omerale, che a sua volta potrà causare una sublussazione della testa omerale, con traslazione anteriore fino al contatto diretto della testa dell’omero con l’acromion, causando un impingement secondario.

Prevenire gli squilibri muscolari deve essere un “obiettivo primario” per evitare di dover interrompere l’attività sportiva a causa della sindrome dolorosa scapolo-omerale.

tapingk14Autore: Prof. Rosario Bellia – Fisioterapista
Presidente Associazione Italiana Taping Kinesiologico®

Le foto dei bendaggi riportate in questo studio sono originali e di proprietà dell’autore.
In questo studio i nastri utilizzati sono ASIAMED SETA Synthetic TAPE by Rosario Bellia

tapingk15
Nota dell’autore: Alcune foto di repertorio sono state reperite on line. Coloro che ne detengono i diritti possono chiederne l’eliminazione, che sarà eseguita tempestivamente.

Bibliografia

  1. J. Ellsworth: Balance Your Helm for Speed, per una dettagliata descrizione del CE e del CLR – 2009
  2. R. Bellia: Il taping kinesiologico nella traumatologia sportiva -manuale pratico di applicazione – Casa Editrice Alea, Milano – MedEdu, marzo 2011
  3. R. Bellia: Il taping kinesiologico – Metodo Koreano – Manuale pratico di applicazione nella traumatologia sportiva moderna – Casa Editrice Alea, Milano – MedEdu, aprile 2012
  4. R. Bellia: Il taping kinesiologico nelle disfunzioni della colonna vertebrale – manuale pratico di applicazione nella fisioterapia moderna – Casa Editrice Alea, Milano – MedEdu, ottobre 2013
  5. R. Bellia: Il taping kinesiologico nella traumatologia sportiva Moderna – libro Atlante – Ed. Nuova Piccin – Padova, maggio 2018


Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi