Libreria dello Sport

Trauma cranico – Riabilitazione in acqua

radiografia-3d-con-trauma-cranico

Trauma cranico – Riabilitazione in acqua

GianPietro Salvi, Annamaria Quarenghi, Paola Quarenghi

Nel programma riabilitativo del paziente affetto da esiti di trauma cranico, il trattamento in acqua ha una grande importanza ed è un’integrazione e un completamento della terapia neuromotoria e neuropsicologica.
Fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti è la stretta collaborazione tra le diverse figure professionali.
L’idrochinesiterapia permette di ottenere il miglioramento della rigidità articolare, la riduzione della spasticità e della sintomatologia algica, il miglioramento del reclutamento motorio, del controllo del tronco da seduto, della stazione eretta e della deambulazione.
In funzione dello stadio di evoluzione del coma post-traumatico (stato vegetativo, minima responsività, esiti di trauma cranico), il trattamento in acqua viene impostato in modo differente: nel volume vengono proposte indicazioni e presentati 100 esercizi in funzione dei differenti stadi, arricchiti da un considerevole numero di immagini a colori.

Per maggiori informazioni o per acquistare i volumi:

E-mail eeinfo@eenet.it


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi