Focus On

L’OBESITÀ IN ITALIA È SEMPRE PIÙ DONNA

340020-donna-obesa-725x483-

(pubblicato su: TEMA MEDICINA – Numero 3-4/2005)

Dal 13° Congresso della Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità (SICOB)

Secondo l’Istatal 2002 gli obesi in Italia erano l’8.5% della popolazione adulta ma oggi, secondo la Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità siamo ormai al 10%. Ma l’obesità … è donna: il rapporto uomo/donna è di 1 a 5. In giovane età non c’è differenza tra i sessi, ma col passare degli anni il divario aumenta: oltre i 60 anni circa l’80 per centro degli obesi sono donne.
L’obesità in Italia dilaga, e la maglia nera – secondo gli ultimi dati Istat – spetta al Sud dove quasi il 10% degli abitanti è obeso e quasi il 37% è in sovrappeso. Al Nord-Ovest il primato per il normopeso: infatti oltre la metà degli abitanti (57.4%) non deve fare i conti con la bilancia. La percentuale di popolazione adulta con problemi di sovrappeso e obesità è più alta in tutto il Mezzogiorno e in particolare in Abruzzo (oltre il 36% quelli in sovrappeso, quasi l’11% quelli obesi), Molise (quasi il 35% quelli in sovrappeso, e circa l’11% quelli obesi) e Sicilia (quasi il 37% quelli in sovrappeso e quasi il 10% gli obesi), mentre nel Centro-Nord l’eccesso di peso risulta meno diffuso, soprattutto in Lombardia (dove circa il 31% è in sovrappeso e circa il 7% è obeso) e Trentino Alto Adige (dove circa il 27% è in sovrappeso e oltre il 6% è obeso). Inoltre, sovrappeso e obesità, risultano più diffusi nei piccoli Comuni fino a 2mila abitanti (oltre il 35% è in sovrappeso e circa il 9% è obeso) e in quelli che contano tra i 2mila e i 10mila abitanti (dove il 34% degli abitanti è in sovrappeso e circa il 7% è obeso.

Obesità & Età
Italiani attenti: più avanzano gli anni e più si muove l’ago della bilancia. Passata la soglia dei 42 anni si verifica il “sorpasso” dell’esercito degli italiani, uomini e donne, in sovrappeso o obesi rispetto a quelli che non devono fare i conti con la linea. Oltre i 42 anni, infatti, la percentuale degli over size (51%) batte quella dei normopeso (47.6%). E più avanzano gli anni e più peggiorano le cose fino ad arrivare alla fascia dei 65-74 anni quando quasi 6 italiani su 10 hanno un girovita eccessivo. La quota di popolazione obesa cresce al crescere dell’età (1.5% tra i 18 e i 24 anni), raggiunge il massimo sopra i 50 anni (13.3% nei 55-64enni e 15.2% nei 65-74enni) per diminuire nelle età più anziane (10% negli ultra 75enni).

Obesità & Titolo di Studio
L’eccesso ponderale è una caratteristica più diffusa nella popolazione adulta con basso titolo di studio – sono sempre i dati Istat a rivelarlo – come licenza elementare o nessun titolo di studio (il sovrappeso interessa circa il 43% e l’obesità quasi il 15%). Gli uomini con basso titolo di studio hanno maggiori problemi di obesità rispetto alle coetanee fino ai 44 anni, hanno gli stessi problemi tra i 45 e i 64 anni ma tra gli ultra75enni con basso titolo di studio sono le donne ad avere obesità più grave. Come tra le italiane in generale.

www.associazioneitalianaobesità.it
Numero Verde 800-114070

**


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi