Alimentazione

MANGIA PIATTI UNICI

insalatone

MANGIA PIATTI UNICI

CONSIGLIO – Consuma piatti unici quando non hai tempo per mangiare il secondo, o sei in pausa pranzo al lavoro o in viaggio. Scegli gli ingredienti giusti per la tua salute.

Unendo le verdure ai macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi) in giuste dosi, otteniamo il famoso piatto unico che rappresenta il “carburante” più completo e digeribile, anche nei pasti più veloci. Il principio di base del piatto unico è fornire energia proveniente dai 3 macronutrienti in una proporzione pari a circa 60% da carboidrati, 16% da proteine e 24% da grassi. Questo equilibrio è il principio a cui si deve attenere la corretta alimentazione, equilibrio che può essere raggiunto sia con un pasto formato da più portate, ma anche con i 3 o 5 pasti previsti durante la giornata.

I vantaggi del piatto unico
Il nostro metabolismo è una macchina complessa che parte dagli alimenti per gestire un’infinità di formule biochimiche che possano soddisfare tutte le funzioni dell’organismo e nutrire le nostre cellule. Il metabolismo lavora meglio quando ha a disposizione molti tipi di nutrienti, in particolare non debbono mancare quelli essenziali, cioè quelli che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare e possono essere assunti solo dagli alimenti. Oltre ai 3 macronutrienti i pasti della giornata dovrebbero anche soddisfare le necessità quotidiane di minerali e vitamine, e altri oligoelementi importanti come gli antiossidanti.
I vantaggi del piatto unico dal punto di vista nutritivo non sono diversi da quelli di un pasto equilibrato fatto di primo e secondo, sono invece legati alla praticità per delle ragioni indotte dallo stile di vita di oggi giorno:

  • Tempo a disposizione per la preparazione dei pasti
  • Dover mangiare fuori casa

Questo stile di vita non ci costringe a mangiare male in senso lato, anche con poco tempo e lontani da casa si possono rispettare le regole nutrizionali cercando d’impegnarsi un po’ e soprattutto imparando a gestire gli alimenti. Vediamo qualche esempio di “piatto unico”.

Il panino
Chi è costretto a consumare il pranzo in piedi o addirittura in auto, o chi non ha tempo per preparare altro, mangia un panino imbottito di affettati e formaggio a fette, condito con maionese o burro, e in alcuni casi guarnito con una simbolica fetta d’insalata o di pomodoro, in pratica un panino come questo dell’esempio:

  • 80 g di pane
  • 70 g di prosciutto crudo o cotto, oppure 50 g di salame o mortadella
  • 20 g di formaggio a fette
  • 10 g di maionese

Un panino simile può apportare circa 600 calorie (quasi come un piatto di tagliatelle al ragù), contenere troppi grassi e proteine e pochi carboidrati: occorreranno circa 3 ore per digerire tutto ed è probabile che dopo 10 minuti ci si senta assonnati.

Invece un panino che si potrebbe mangiare come piatto unico abbastanza equilibrato dovrebbe essere fatto con:

  • 100 g di pane integrale
  • 3 o 4 fette di pomodoro o foglie di lattuga (almeno 20 g)
  • Farcito con una sola fonte proteica: 60 g d’affettato, oppure 50 g di formaggio, 80 g di carne o pesce (non fritti), 1 uovo
  • Privo di condimenti come salse (maionese, salsa rosa, ecc.) o burro

Alcuni esempi di piatto unico sotto forma di panino abbastanza equilibrato e digeribile:

  • Tonno sott’olio sgocciolato e pomodoro
  • Roastbeef e insalata
  • Mozzarella e verdure grigliate
  • Prosciutto cotto e zucchine grigliate
  • Scaglie di Grana Padano e pomodoro

Se gradite un condimento meglio usare 2 cucchiaini d’olio extravergine di oliva e limone.
Dopo il panino, sarebbe bene mangiare un frutto fresco di stagione, per aggiungere vitamine, minerali e fibra.
Attenzione a non utilizzare pane condito come la focaccia o la piadina, che andrebbero assunte solo occasionalmente perché ricche di grassi.
I piatti unici sotto forma di panino di cui sopra possono apportare circa 500/600 Kcal, e hanno una buona proporzione tra proteine, grassi e carboidrati, oltre ad essere facilmente digeribili, in particolare se dopo si mangia frutta e si beve solo acqua. Anche questi esempi però forniscono poca verdura, ricordiamoci quindi di mangiarne un’abbondante porzione a cena.

Le insalatone
Sono un piatto diffuso che ormai si trova in moltissimi locali, sono offerte in diversi gusti e non richiedono lunghi tempi di preparazione, quindi di attesa. Il vantaggio dell’insalatona è la verdura cruda abbondante e la possibilità di metterci dentro tanti ingredienti appetitosi. Per rendere l’insalatona un piatto unico valgono le stesse regole del panino: una sola fonte proteica e condire con 2/4 cucchiaini di olio extravergine d’oliva e limone.
Il limone non è suggerito solo per il suo sapore, ma perché favorisce l’assorbimento del ferro presente nelle verdure che altrimenti non sarebbe biodisponibile se non in percentuali insignificanti. Ovviamente potete usare anche aceto a piacere. Questo piatto va mangiato con il pane per l’apporto di carboidrati, in effetti qualche chicco di mais bollito non è sufficiente, si possono invece unire all’insalata i cereali come riso, orzo, farro o chicchi di frumento.
Rispetto al panino l’insalatona ha due vantaggi: si mangia meno rapidamente, giusto in tempo per far giungere il senso di sazietà (circa 20 minuti) e contiene abbondanti verdure.
Qualche esempio fuori dal comune:

Insalata di salmone e lenticchie
Insalata di riso con mele e Grana Padano DOP
Insalata al profumo di senape
Insalata di orzo e tonno

Il piatto unico
Avendo tempo solo per un primo, a casa o al ristorante, si può consumare un piatto unico preparato con ingredienti che seguano sempre lo stesso principio di equilibrio tra i vari alimenti:

  • La pasta all’uovo apporta carboidrati della farina e proteine dell’uovo, se condita con sughi a base di verdura (melanzane, carciofi, ecc.), la giusta quantità d’olio extravergine di oliva e un cucchiaio (10/15 g) di Grana Padano DOP grattugiato, sarà un piatto completo di proteine, vitamine e minerali essenziali.
  • Anche la pasta di semola, o il riso, condita con un sugo di pesce o seppie e calamari e seguita da una bella insalata di verdure miste è da considerare un piatto equilibrato.
  • I cereali (pasta riso, farro ecc) con i legumi formano un piatto ricco di carboidrati e proteine vegetali molto simili a quelle della carne: pasta e fagioli, riso e piselli, minestra di lenticchie.
  • Sushi.
  • Torte salate composte da farina, verdura, carne, formaggi, ecc.

Qualche esempio:

Bucatini allo sgombro e rosmarino
Pappardelle allo zafferano con ragù di agnello
Tagliatelle con polpettine
Cuscus di agnello e arance
Torta di patate, Grana Padano, cipolla e rosmarino
Crostata di patate e prosciutto
Pizza all’ortolana
Torta salata alle bietole

Da ricordare che il piatto unico non è mai perfettamente bilanciato e che l’equilibrio lo si può ottenere anche sommando tutti i pasti della giornata, pertanto non limitatevi nel consumare verdure, con o dopo il piatto unico, non apportano praticamente calorie, ma tanti minerali, antiossidanti e fibre.

**


Lascia il tuo commento

Devi essere loggato per inviare un commento Login

Hai trovato l'articolo interessante, cosa ne pensi, lasciaci un commento?

Lascia un Commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi