Alimentazione

PIÙ LATTE E FORMAGGI

latte-formaggi-2

latte-1080x675

di Giorgio Pitzalis

Tre porzioni al giorno di di formaggi non magri per ridurre la mortalità e il rischio di malattie cardiovascolari. È quello che è emerso da un recente studio in relazione al consumo giornaliero di latticini. Più latte e formaggi aiutano a diminuire il rischio di mortalità.
I risultati dello studio pubblicato sulla rivista The Lancet sul consumo quotidiano di latticini ci dicono proprio questo: più latte e i formaggi nella nostra alimentazione fanno bene alla nostra salute.

L’indagine è stata condotta su un campione di 136.000 persone, appartenenti a 21 paesi diversi, che sono stati seguiti per circa nove anni.
Inizialmente sono stati sottoposti loro dei questionari abbastanza dettagliati incentrati sulla loro alimentazione.
Da questi sono emerse poi quattro categorie di gruppi suddivisi in base al consumo giornaliero di latticini:

  • gruppo a zero consumo (28.674)
  • gruppo da meno di una porzione (55.651)
  • gruppo da 1-2 porzioni (24.423)
  • gruppo da oltre 2 porzioni (27.636)

Durante il periodo di monitoraggio gli epidemiologi hanno registrato inoltre tutti i decessi del campione in esame con le rispettive cause di morte.

Il risultato?

Rispetto al gruppo che non mangiava per niente latticini, il gruppo con un consumo più alto ha presentato tassi inferiori di mortalità:

  • per tutte le cause (3,4% vs 5,6%)
  • per le cause non cardiovascolari (2,5% vs 4%)
  • per le malattie cardiovascolari (0,9% vs 1,6%)

Ma a quanto equivale una porzione di latticini?

Semplicemente ad un bicchiere di latte, un vasetto grande di yogurt, una fetta di formaggio da 15 grammi o ad un cucchiaino di tè da burro.
Nulla di esagerato insomma!
Stando alle parole di Mahshid Dehghan della McMaster University in Canada, principale esponente della ricerca: “I nostri risultati sostengono l’idea che il consumo di latticini possa proteggere da morte e patologie cardiovascolari, specialmente nei paesi a basso e medio reddito dove, attualmente, il consumo di questi alimenti è ben più limitato rispetto a nord America ed Europa”.


Giorgio Pitzalis
 – Presidente di Giustopeso Italia
Specialista in Gastroenterologia e Pediatria – dottore di Ricerca in Gastroenterologia e Nutrizione Pediatrica – Svolge attività di consulenza nell’ambito del servizio di Diagnostica Specialistica Pediatrica – BIOSdiagnostica


Top